Pittore, scultore, saggista, scrittore, artista attivo in performance e installazioni, Joseph Pace è tra gli artisti più significativi del momento. Il suo lavoro è stato esposto in istituzioni e musei di tutto il mondo. Dalle sue mostre e dipinti dei primi anni ’80 alle sue sculture assemblaggio realizzate con migliaia di rari bijoux vintage, Pace unisce l’estetica delle arti decorative con la scultura, la pittura e l’incisione moderne. Fa anche riferimento alla moda, alla storia e alle arti decorative, con tutta la loro ambiguità, sperimentazione e umorismo, spesso associate alla filosofia e alla psicoanalisi.

Le sue opere sono riconosciute a livello internazionale per la loro capacità di reinterpretare molte delle nostre realtà psichiche. Massimo esponente del movimento parigino del filtranismo, nel 1996 ottiene la nomina accademica di  Cultore della materia e collaboratore alla didattica nelle discipline ‘Sociologia dell’Arte’, ‘Sociologia della Conoscenza’, ‘Storia della Sociologia’ all’Università Sapienza di Roma. 

Il lavoro di Pace è stato esposto soprattutto in Europa e Sud America. A settembre 2021 il suo lavoro è stato oggetto di una grande mostra al Pantheon di Roma Joseph Pace: Ave Crus, Spes Una (14 Settembre – 28 Ottobre 2021); l’opera “Crocifisso del Pantheon” espressamente realizzata dall’artista per l’occasione, fa oggi parte della collezione permanente del Pantheon. La mostra, divenuta itinerante, è stata poi allestita alla Basilica di San Lorenzo in Lucina (1 Novembre – 31 Dicembre, 2021), prima di viagaire per Rio de Janeiro, São Paulo Vienna, Parigi, Bruges, Madrid, Lisbona. 

Mostre recenti includono Joseph Pace e as suas joias esculturais (20 Ottobre – 1 Dicembre, 2020), Coleção de Arte do Conselho Regional de Contabilitade di São Paulo. Joseph Pace, La Révélation de la Forme (1 Giugno – 25 Ottobre, 2020) Museo Nazionale del Bardo di Tunisi. Libri d’artista. L’Arte da Leggere: Castello di Bari (25 Maggio – 15 Novembre, 2019), Castello di Copertino del Polo Museale della Puglia (26 Novembre, 2019 – 20 Marzo, 2020), Museo Boncompagni Ludovisi della Direzione dei Musei Statali di Roma (21 Maggio – 17 Ottobre, 2021).

Nel 2018 viene inaugurata al Pantheon di Roma la prima grande mostra interamente dedicata alla sua opera scultorea Joseph Pace: Sacra Sacrorum, Il Sacro delle Cose Cacre (23 Novembre, 2018 – 13 Gennaio, 2019). Nel 2019, Sacra Sacrorum, viene portata alla Biblioteca Storica Nazionale dell’Agricoltura.

Suoi lavori sono stati presentati alla Biennale di Firenze (2015) e all’Università Cà Foscari di Venezia The Grand Challenge (1 – 30 Dicembre, 2016). Nel 2015, il Museo Venanzo Crocetti di Roma organizza la grande retrospettiva Joseph Pace, Sperimentazioni sulle nuove possibilità dell’arte. Dalle sculture di gioielli alle incisioni elaborate al computer (12 Gennaio – 23 Febbraio 2015) con opere provenienti da collezioni private e musei tutto il mondo.

Per i Mondiali di Calcio Brasil 2014, Pace è al Museu Afro Brasil di São Paulo nell’ambito della mostra O Negro no Futebol Brasileiro. A Arte. Os Artistas (13 Giugno – 30 Settembre, 2014). L’opera “Mundial Brasileiro”, insieme ad altri suoi lavori, fanno oggi parte della collezione permanente del museo. Nello stesso anno la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma organizza al Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative l’evento Joseph Pace, L’Eva Futura, (26 Novembre 2014 – 13 Febbraio 2015).

In Brasile, il Museo d’Arte del Parlamento di São Paulo nel 2010 allestisce la grande retrospettiva dedicata al suo lavoro Dinamismo vital e de força cosmica das emoçoes artisticas de Joseph Pace (1 Aprile – 30 Giugno, 2010). Lo stesso anno Pace espone al CRC di São Paulo Joseph Pace: emoções de dinamismo (15 Marzo, 25 Aprile, 2013) dove viene nuovamente invitato a esporre nel 2013. Altre sue mostre personali si organizzano nel 2015 Joseph Pace, 2 giugno Festa della Repubblica Italiana al Circolo Culturale Italiano, Edificio Italia di São Paulo, e nel 2018 Joseph Pace, Emoções Cósmicas alla Câmara Municipal de Itapevì.

Con l’Ambasciata d’Italia a Brasilia e con l’Istituto Italiano di Cultura di São Paulo, per la Festa della Repubblica Italiana del 2012, si allestisce Joseph Pace, Momento Italia Brasile (13 June – 27 June, 2012) all’Octavio Café di São Paulo. Nel 2013, sempre nell’ambito delle celebrazioni della Festa del 2 Giugno, Pace espone all’Ambasciata d’Italia a Brasilia Arte Italo Brasileira (5 Giugno – 27 Luglio, 2013). Due sue grandi opere fanno oggi parte della Collezione d’Arte Contemporane dell’Ambasciata.

Il lavoro di Pace è stato presentato anche al Museo Diocesano di Amalfi Meditazioni, all’Expo Universale di Siviglia Joseph Pace Filtranisme, al Festival Internazionale del Cinema di Ostia Orme, al Conselho de Contabilitade do Estado de São Paulo Joseph Pace, Emoçoes, a Forte Sangallo di Nettuno Joseph Pace, Filtranisme, al Teatro de Jaguariuna in Brasile Joseph Pace, Emoçoes.

Joseph Pace ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali in particolare dall’Università di Costanza, Instituto de Recuperação do Patrimônio Histórico no Estado de São Paulo, Superintendencia do Patrimônio Cultural do Parlamento de São Paulo, Unicef, Associazione Nazionale Sociologi, Ambasciata d’Italia a Brasilia, Università Sapienza di Roma.

Joseph Pace nasce nel 1959 a Morbegno nella provincia di Sondrio e si forma in Africa in Congo-Kinshasa, Burundi e  Tanzania. E’ laureato in Giurisprudenza e in Sociologia alla Sapienza di Roma con specializzazione alla ‘Faculty of Arts and Humanities’ dell’Università Sorbona di Parigi, ha un Master II livello in Scienze Politiche a UniRoma Tre e un dilpoma di specializzazione in psicoterapia all’IRPS di Roma.